Il Guerriero ha ricevuto incarico dal Re di condurre la Dama in una lontana residenza reale e prendere lezioni di corte.
Per evitare imboscate il primo convoglio è vuoto ed esce dal palazzo circondato da guardie.
Quando il Guerriero va a prendere la Dama,entrambi percepiscono che il loro incontro non è casuale, ma fa parte della trama che l’Universo sta tessendo per loro.
Purtroppo qualcuno ha tradito il segreto e durante il tragitto che percorrono su un unico possente destriero, cadono in un’imboscata, dalla quale escono ancora più affiatati.

cigola sulla strada
specchio vuoto e solenne
l’alba risale lenta
soffio fra le mura
levita nella corte
evaporando il confine dei ruoli
arabeschi sentieri di Vita
intrecciano desideri
la morbida china del guardare
sveglia l’insopito demone
primavera di suoni
schiacciati da un ordine
affogando i pensieri
la voce dura maschera
il mancare e risorgere
nel buio sale la polvere
lontana la casa delle lezioni
alla sella tiene la mano
il silenzio copre le emozioni
vibrano e l’aria solcano
dal nulla saltano urlanti maschere
la luna illumina fra fronde e scuri rami
la paura arrendersi al ciglio gelido
suona la lama su ossa infedeli
rossi gli spruzzi colorano foglie
urla di guerra calpestano teste
scende la scure senza tradire
liberi corrono e solitari ridono
la meta è lontana la mente è vicina
la mano ora cinge il ventre del soldato
e il petto stanco poggia la ruvida schiena

Share