I soldati si stanno preparando alla battaglia. Alcuni pregano, altri affilano le armi. Il Guerriero, loro comandante sul campo, li incita e sprona a dare il meglio di loro stessi. Scenderanno sul campo come la furia dei massi che cade da una montagna, impattando il nemico come un’onda che esplode sulla scogliera.

Fumo d’anime:

il sangue brucia nella carne
il vento spazza via la polvere
un urlo sale sibilando
e nuova luce il fiume stempera
il fumo suda dalla strada
e grida forte la sua anima
confuse voci fra le foglie
è densa l’aria e terra arida
luce limpida segno di divinità
ferma l’attimo il tempo non ha età
siamo spirito pura razionalità
fumo d’anime vento senza ipocrisia
funambolici massi nella prateria
occhio cinico sola nuda volontà
l’alba scivola ansima la retrovia
luna che va via Falce sta giungendo
qui
dove il vento non si lascia andare
c’è
un rumore sordo contro il tempo
si qui
come un’onda esplosa che si espande
c’è
genio e follia
luce, o luce, svanisce nelle tenebre
freddo nell’oscurità
vibra la Falce
passa rapida e va via
liberando l’anima
liberando l’anima via
rapidi passano i ricordi
limpidi vivi senza ordine
affonda cruda nella vita
il sangue scalda carne e ossa
il cielo apre le sue ombre
intorno il vuoto l’urlo soffoca
il petto batte nella gola
nell’aria il suono ora scivola
ora il rosso Sole
scende all’orizzonte
allagando il cielo
sulla terra umida
l’onda si raccoglie
e ricorda al mondo
il suono / della vita

Share

No comments

You can be the first one to leave a comment.

Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>